Contenuto principale

Dalla conoscenza alla valorizzazione delle strutture nel Lecchese.

Convegno martedi 10 aprile 2018 dalle ore 20 alle 22 - Sala Confcommercio – piazza Garibaldi 4 - Lecco.

La Sezione Lombardia dell'Istituto Italiano dei Castelli ha promosso una serie di convegni in varie città della Regione per promuovere la conoscenza e favorire la valorizzazione delle fortificazioni e e dei siti Unesco di Lombardia, sulla scia dell'avvenuto riconoscimento come patrimonio dell'umanità delle mura cinquecentesche veneziane di Bergamo. A conclusione del ciclo, la Delegazione di Lecco ha proposto di dedicare un incontro ai resti delle fortificazioni confinarie di Lecco, originariamente delimitanti il territorio comunale rispetto al Distretto di Bergamo.

Il sistema fortificato della Chiusa, documentato nel 1253 e imperniato sulla Rocca di Lecco, divenne a conclusione della guerra veneto-milanese, con la Pace di Lodi del 1454, non senza controversie e successive ripetute violazioni, confine di Stato fra Venezia e Milano. La delimitazione fu aggiornata ed estesa con un sistema di cippi che, dalla lapide iniziale apposta sull'antico muro milanese alla Chiusa, si concludeva alla vetta del Pizzo dei Tre Signori. Alcuni dei cippi quattrocenteschi si sono conservati in situ; molti di più sono residuati fra quelli posati dopo il Trattato di Mantova del 1756.

La Rocca della Chiusa di Lecco, divenuta poi veneziana con la denominazione di Rocca di Vercurago, conservò la sua funzione difensiva sino al 1509, quando fu distrutta dalle truppe franco-milanesi all'inizio della guerra contro Venezia promossa dalla Lega di Cambrai, per poi trasformarsi in rifugio di San Girolamo Emiliani e dei suoi orfani. Come è noto, nell'Ottocento, la Rocca è stata identificata nell'immaginario collettivo come sede del personaggio manzoniano dell'Innominato.

L'incontro intende avviare una verifica sulla possibilità di conoscere meglio e valorizzare le strutture residue, per recuperare una importante memoria storica del nostro territorio e offrire un'ulteriore opportunità per apprezzare i percorsi turistico-culturali che si snodano attorno ai "monti sorgenti dal lago".

È gradita la partecipazione di tutti, amministratori, associazioni e cittadini desiderosi di promuovere il patrimonio storico-ambientale del Territorio Lecchese.

L'iniziativa è organizzata con il patrocinio del Comune di Lecco e della Provincia di Lecco e la collaborazione di Confcommercio Lecco.