Contenuto principale

Messaggio di avviso

fibre amiantocopertura eternit

 

Cos'è?

L'amianto o asbesto è un minerale naturale a struttura fibrosa.
Per le sue caratteristiche è stato molto utilizzato in passato e dal 1992 è stato vietato in Italia.

Dove si trova?

  • Prodotti in cemento-amianto:
  • rimozione lastre eternit lastre di grande formato per rivestimento facciate
  • lastre per tetti e facciate, lastre ondulate
  • canali di ventilazione, tubi, condutture di scarico
  • elementi prefabbricati e articoli da giardino (es. cassette per fiori, tavoli e sedie da giardino, lastre per tennis da tavolo)
  • Rivestimenti di freni e frizioni (in resine composite)
  • Guarnizioni di tenuta (in gomma composita)
  • Amianto floccato (rivestimento di travi di acciaio e pareti quale protezione antincendio isolamento acustico e termico)
  • Pannelli leggeri (rivestimenti antincendio pareti, porte)
  • Rivestimenti (pavimenti e pareti)
  • Stuoie (coibentazione di tubi)
  • Mastici antifuoco (canalette di cavi)
  • Cartone (isolamento termico, protezione antincendio)
  • Materiale per filtri (industria alimentare e farmaceutica)
  • Riempitivi (additivo fibroso per adesivi, sigillanti e pigmenti)
  • Funi e corde in amianto, nastri isolanti e anelli di tenuta (protezione antincendio in stufe a olio o di maiolica, caldaie e bruciatori di impianti di riscaldamento centralizzati)

Perché è pericoloso?

E' pericoloso essenzialmente perché le fibre di amianto sono molto sottili: tendono a sfaldarsi dividendosi longitudinalmente, rimangono sospese in aria e vengono respirate. E' quindi necessario ridurre il più possibile l'inalazione e non disperderle nell'ambiente per eliminare il rischio di tumori (principalmente polmone, pleura, laringe).

La normativa

La normativa richiede il controllo dello stato di conservazione dell'amianto e dei materiali che lo contengono.
Quando le condizioni di degrado sono tali da creare una condizione di rischio è necessario effettuare un intervento di bonifica.
La  pdf L.R. n. 17/03 "Norme per il risanamento dell'ambiente, bonifica e smaltimento dell'amianto" (96 KB) (.pdf 98 kb) modificata dalla pdf L.R. n.14/2012 (181 KB) (.pdf 186 kb), il successivo decreto attuativo pdf D.g.r. 30.01.2013 n. IX/4777 (248 KB) (.pdf 248 kb), e il pdf Piano Regionale Amianto - P.R.A.L. (267 KB) (.pdf 274 kb) hanno come obiettivo:

  • Salvaguardia del benessere delle persone rispetto all'inquinamento da amianto.
  • Prescrizione di norme di prevenzione per la bonifica dell'amianto.
  • Promozione di iniziative di educazione e informazione finalizzate a ridurre la presenza di amianto.

Il P.R.A.L., in particolare, stabilisce una serie di azioni per perseguire tali obiettivi ed eliminare la presenza di amianto dal territorio regionale entro il 2015. Tali azioni prevedono principalmente:

  • Mappatura dell'amianto presente sul territorio regionale.
  • Monitoraggio dei livelli di concentrazione delle fibre di amianto nell'aria.
  • Criteri per la valutazione del livello di rischio e l'individuazione delle priorità di bonifica.
  • Tutela sanitaria dei lavoratori che sono esposti e che sono stati esposti all'amianto.

__________________________________________________________________

Obblighi dei proprietari (soggetti pubblici e privati)

I soggetti pubblici e privati proprietari di edifici, impianti o luoghi nei quali vi è la presenza di amianto o di materiali contenenti amianto, sono tenuti a comunicarne la presenza all'A.S.L. di competenza e, per conoscenza, al servizio comunale, mediante la compilazione della seguente modulistica:

Pertanto il cittadino che rileva presenza di amianto in un edificio o impianto di proprietà e che non lo abbia ancora fatto (singolo cittadino, condominio, impresa) è tenuto a segnalare tale presenza, anche al fine di consentire il censimento completo dell'amianto sul territorio comunale.

  • L'indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) e casella istituzionale del Comune di Lecco a cui inoltrare le segnalazioni è: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • E' inoltre possibile inviare una Lettera con Posta Ordinaria a: Comune di Lecco - Servizio Ambiente e Demanio - Piazza A. Diaz, 1 - 23900 LECCO
  • Oppure si può presentare direttamente la Segnalazione presso l'Ufficio di Protocollo, sito in Piazza A. Diaz, 1, LECCO    

La mancata comunicazione comporta, a carico dei soggetti proprietari pubblici e privati inadempienti, l'applicazione di una sanzione amministrativa da € 100,00 a € 1.500,00.

Si ricorda che l'operazione di bonifica/smaltimento dell'amianto deve essere effettuata solo ed esclusivamente da ditte specializzate previa acquisizione di autorizzazione da parte dell'A.S.L. territorialmente competente:

A.S.L. Lecco
Dipartimento di Prevenzione Medica
Area della Sicurezza del Lavoro
Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro
Servizio Sicurezza e Impiantistica
G. Tubi, 43 - 23900 Lecco
Tel. 0341 482.443/449 - Fax 0341 482.444
e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
sito web www.asl.lecco.it (link a sito esterno)

_____________________________________________________________________________

Segnalazione presenza di coperture in fibrocemento contenenti amianto

eternitPer eventuali segnalazioni relative alla presenza di una presunta copertura in fibrocemento contenente amianto, è necessario compilare il seguente modulo "Segnalazione presunta copertura in fibrocemento (eternit)" ( pdf versione pdf (34 KB)  - 147 kb).

La compilazione del modulo e l'invio al servizio comunale competente e all'A.S.L., permetterà l'avvio del procedimento con le relative azioni previste (attivazione A.S.L., valutazione del rischio, predisposizione eventuali interventi di bonifica e/o rimozione).

 _________________________________________________________________________

Convenzioni con operatori iscritti all’Albo gestori Ambientali per la rimozione dell'amianto a prezzi calmierati ai privati cittadini 

A fronte del protocollo d’intesa siglato tra i Comuni di Lecco e Valmadrera lo scorso novembre al fine di incentivare gli interventi di rimozione dell’amianto, il Comune ha sottoscritto alcune convenzioni con operatori iscritti all’Albo gestori Ambientali che offrano a prezzi calmierati ai privati cittadini dei Comuni di Lecco e Valmadrera i seguenti servizi:

- Bonifica (rimozione e incapsulamento coperture cemento amianto);

- Smaltimento manufatti in cemento amianto (serbatoi, tubature, lastre etc…);

  • Redazione documentale prevista dalla normativa (indice di degrado - programma di controllo);
  • Presidio telefonico attivo 8 ore al giorno dal lunedì al venerdì;
  • Servizio di campionamento materiali;
  • Servizio pronto intervento entro 48 h, (solo per eventi causati dal maltempo);

Le offerte sono disponibili ai seguenti link:

  1.  VALCOPERTURE (.pdf - 169 KB)
  2.  MONZANI (.pdf - 169 KB)
  3.  E.SERVIZI ECOLOGICI (.pdf - 169 KB)
  4.  2M SRL (.pdf - 169 KB)

I contratti dovranno essere sottoscritti tra l’azienda e il cittadino che intende usufruire del servizio. Eventuali inadempienze contrattuali da parte delle Aziende convenzionate riguardanti i servizi oggetto di convenzione non saranno pertanto imputabili alle Amministrazioni Comunali.

INOLTRE:

Regione Lombardia con   pdf Delibera di Giunta del 15 Maggio n. XI/1620 (98 KB)  ha approvato un bando da € 1.000.000,00 per l’assegnazione di contributi ai cittadini per la rimozione di coperture e di altri manufatti in cemento amianto da edifici privati. Al finanziamento sono ammessi fino al 50% delle spese sostenute. L’Importo massimo finanziabile è pari a 15.000 euro.

Le domande dovranno essere inviate tramite piattaforma telematica:

https://www.siage.regione.lombardia.it/

Gli incentivi sono cumulabili con le detrazioni fiscali previste per gli interventi di riqualificazione energetica.

Per maggiori informazioni sulle detrazioni fiscali statali: