Contenuto principale

In primo piano

Avviso pubblico per il nuovo incarico di Garante per il triennio 2017/2020 


Campagna "Partiamo da 20 x 20" per un sistema di misure alternative alla detenzione"

 

Campagna "Partiamo da 20 x 20"   

Documento (.pdf - 621 KB)

 

 



Ruolo e compiti del Garante

Come interviene

Chi è il garante

Recapiti

Indirizzi utili

Allegati e documentazione

Riferimenti normativi

Istituzioni, enti e associazioni che si occupano della realtà del carcere

 

Ruolo e compiti

La figura del Garante dei diritti delle persone private della libertà personale (detenuti) è stata istituita dal Consiglio comunale con deliberazione del 27 gennaio 2014; è un organo monocratico della durata di 3 anni.

a) Il Garante riferisce al Sindaco, alla Giunta, al Consiglio comunale e alle Commissioni consiliari per quanto di loro competenza sulle attività svolte, sulle iniziative assunte, sui problemi emersi ogni qualvolta lo ritenga opportuno

b) può avanzare proposte e richiedere iniziative e interventi ai fini dell'esercizio dei suoi compiti, con richiesta scritta da inviare al Sindaco

c) è tenuto ad inviare al Sindaco apposita relazione sull'attività annuale svolta

d) è tenuto a riferire sull'attività svolta alle Associazioni interessate ai problemi penitenziari su richiesta delle stesse.

Il Garante

  • promuove iniziative e momenti di sensibilizzazione pubblica sul tema dei diritti umani delle persone private della libertà personale e dell'umanizzazione della pena detentiva nell'ottica del recupero della persona, alla reintegrazione sociale e all'inserimento nel mondo del lavoro
  • incontra regolarmente le persone sottoposte a limitazione della libertà personale nei luoghi ove essi sono ristretti
  • promuove l'esercizio dei diritti e delle opportunità di partecipazione alla vita civile e di fruizione dei servizi comunali delle persone comunque private della libertà personale, ossia limitate nella libertà di movimento, residenti, domiciliate, dimoranti nel territorio del Comune di Lecco, con particolare riferimento - per quanto attiene le attribuzioni e le competenze del Comune di Lecco - ai diritti fondamentali, al lavoro, alla formazione professionale, all'assistenza, alla tutela della salute, allo sport, tenendo conto della loro condizione di restrizione
  • promuove iniziative congiunte e coordinate con altri soggetti pubblici e in particolare con il Difensore Civico provinciale
  • esamina e predispone iniziative rispetto a segnalazioni che riguardino violazioni di diritti e prerogative delle persone private della libertà personale, ricercando ulteriori informazioni presso autorità competenti
  • informa e si confronta con le autorità competenti riguardo alle condizioni dei luoghi di reclusione, con particolare attenzione all'esercizio dei diritti riconosciuti ma non adeguatamente tutelati
  • promuove con le pubbliche amministrazioni interessate dei protocolli d'intesa utili a poter espletare le sue funzioni anche attraverso visite al luogo di detenzione
  • promuove i rapporti con le Associazioni interessate ai problemi penitenziari.

Il suo Ufficio è a disposizione delle famiglie delle persone sottoposte a restrizione della libertà personale e di quanti sono interessati ai problemi insiti con la limitazione della libertà.

Come interviene 

Una volta raccolti i dati della reale situazione carceraria del territorio nel quale opera, sia tramite le Istituzioni Carcerarie, che tramite le preesistenti Associazioni di Volontariato, che da anni si interessano costruttivamente dei problemi legati alla restrizione, che dai Detenuti stessi, il Garante si adopera per mettere in contatto fra loro tutti gli Organismi preposti al funzionamento degli Istituti di Pena, per affrontare i più svariati problemi insiti nella condizione di restrizione e a formulare progetti atti a migliorare la vita all'interno delle Carceri.

Opera anche in rete con gli altri garanti del territorio nazionale per confrontarsi su questioni di rilievo e sulle iniziative, per condividere le buone prassi, per formulare proposte promuovendo e partecipando a iniziative di collaborazione, di studio e di confronto sui temi attinenti i diritti umani e l'esecuzione penale.

Non si limita ad un ruolo di denuncia ma si fa promotore portando a conoscenza della cittadinanza una realtà troppo spesso ignorata e dando così speranza in un futuro e voce alla popolazione carceraria.
Il carcere è un mondo molto complesso, non semplice da descrivere con la dovuta completezza. La trasparenza che oggi è possibile, consente di avvicinare il cittadino a questa realtà che è parte della città.
Il Garante è disponibile a fornire ogni altra informazione, oltre a quelle qui indicate, dando conto di necessità, interventi, progetti.

Chi è il garante

Il garante Alessandra Gaetani - apre foto grande


Alessandra Gaetani
è stata nominata dal sindaco Virginio Brivio, il 26 maggio 2014.

Giurista, criminologa ed esperta in mediazione e gestione dei conflitti, Ph.D in diritti umani, ricercatrice universitaria. Progettista, coordinatrice scientifica e consulente di progetti di sicurezza sociale e urbana e di presa in carico delle vittime di reato.


 

Recapiti

Il Garante riceve presso il Comune di Lecco su appuntamento, telefonando ai numeri di t0341 481.412 - 397, dalle 9 alle 12.30 e dalle 14 alle 16 lunedì, martedì e giovedì; mercoledì dalle 8.30 alle 15.30 (continuato); venerdì dalle 9 alle 12.30 al Servizio Informazione, comunicazione e partecipazione.

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Indirizzi utili

Tribunale di Lecco

Questura - corso Promessi Sposi, 29 - 23900 Lecco

Prefettura - corso Promessi Sposi, 29 - 23900 Lecco

Casa Circondariale di Lecco
Via Cesare Beccaria, 9 - Località Pescarenico - 23900 Lecco
tel. 0341 22821
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Allegati e documentazione

Deliberazione del Consiglio comunale del 27 gennaio 2014 (.pdf - 224 KB)

Regolamento di istituzione del Garante (.pdf - 92 KB)

Decreto di nomina del Sindaco (.pdf - 225 KB)

Statistiche al 31 gennaio 2015 (.pdf - 171 KB) relative a:
• Detenuti presenti per Regione e posizione giuridica
• Detenuti stranieri presenti, per Paese di provenienza
• Detenuti italiani e stranieri presenti e capienze per Istituto

Statistiche (in aggiornamento continuo, Ministero Giustizia)

Oltre le sbarre (pubblicazione dell'Ufficio valutazione impatto del Senato, luglio 2017

 


pdf Relazione sull'attività svolta dal Garante da ottobre 2014 a febbraio 2016 (224 KB)  (.pdf - 224 KB) 

Allegati

1. pdf Dati Ministero della Giustizia (208 KB) , al 31 gennaio 2016 (.pdf)
2. pdf Dati Casa Circondariale di Lecco (1.84 MB)  (fonte Associazione Antigone) - .pdf
3. pdf Protocollo PRAP-Garanti Lombardia (712 KB)  (.pdf)
4. pdf La scuola in carcere (54 KB)  (.pdf)
5. pdf Progetto Liberazione nella Prigione Italia - teatro (928 KB)  (.pdf)
6. pdf Convenzione sicurezza sul lavoro Università dell'Insubria (1.12 MB)  (.pdf)

 

Riferimenti normativi

» Costituzione della Repubblica Italiana

Art. 27 comma III: Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato

"La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali, dove si svolge la sua personalità e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale" (Art. 2).

"Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzioni di sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni personali e sociali. E' compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l'uguaglianza
dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese" (Art. 3).

» Ordinamento penitenziario (legge 26 luglio 1975, n. 354)

Art.1
Trattamento e rieducazione
Il trattamento penitenziario deve essere conforme ad umanità e deve assicurare il rispetto della dignità della persona. [...]
Il trattamento é improntato ad assoluta imparzialità, senza discriminazioni in ordine a nazionalità, razza e condizioni economiche e sociali, a opinioni politiche e a credenze religiose.
Nei confronti dei condannati e degli internati deve essere attuato un trattamento rieducativo che tenda, anche attraverso i contatti con l'ambiente esterno, al reinserimento sociale degli stessi. Il trattamento è attuato secondo un criterio di individualizzazione in rapporto alle specifiche condizioni dei soggetti.

Art. 18
I detenuti e gli internati sono ammessi ad avere colloqui e corrispondenza con i congiunti e con altre persone, nonché con il garante dei diritti dei detenuti"

Art. 67
Gli istituti penitenziari possono essere visitati senza autorizzazione dai garanti dei diritti dei detenuti.

Garante Lombardia

» Legge regionale Lombardia n. 8 del 14 febbraio 2005 "Disposizioni per la tutela delle persone ristrette negli istituti penitenziari"

» Regolamento regionale Lombardia n. 10 del 14 dicembre 2006 (.pdf - 11 KB)

Istituzioni, enti e associazioni che si occupano della realtà del carcere

Siti istituzionali (collegamenti esterni)

Garante Nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale (Link al sito http://www.garantenazionaleprivatiliberta.it/gnpl/it/homepage.page)  novità 

Ministero della Giustizia
www.giustizia.it

Dipartimento per la Giustizia minorile
www.giustiziaminorile.it

Ricerche documentarie sul sito del Dipartimento per la Giustizia minorile
documentazione Dip.to giustizia minorile

Unione delle Camere penali
www.camerepenali.it


Siti di associazioni 
(collegamenti esterni)

www.ristretti.it

E-book sul carcere

www.fuoriluogo.it

www.societadellaragione.it

www.osservatorioantigone.it

www.redattoresociale.it

www.cnca.it

Opuscolo "Carcere e dintorni" (a cura del Garante detenuti Regione Emilia Romagna)