Contenuto principale

Il PGT di Lecco

PGT

"Un nuovo strumento pianificatore per la città costringe a interrogarsi sul suo presente, ma anche e soprattutto sul suo passato e sul suo futuro".

 

I principali atti procedurali del Piano di Governo del Territorio (PGT)

Il PGT è stato adottato con deliberazione di Consiglio comunale n. 1 del 23-24 gennaio 2014 ed è stato approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 43 del 24-25-26-27-28-29- 30 giugno 2014.

Gli atti costituenti il PGT hanno acquistato efficacia ai sensi del comma 11 articolo 13 della L.R.12/05 e s.m.i. con la pubblicazione sul BURL - Serie Avvisi e Concorsi - n. 10 del 4 marzo 2015 (.pdf - link esterno).

Altri documenti e atti amministrativi inerenti tutta la procedura di approvazione del PGT sono consultabili sulla apposita sezione dedicata .

 

Gli elaborati costitutivi del Piano di Governo del Territorio

Il Piano di Governo del Territorio (PGT), rappresenta il nuovo strumento di pianificazione generale del territorio comunale redatto in base all'ultima legge regionale (L.R.12/05) e va a sostituire il Piano Regolatore Generale (PRG) approvato nel 2000 e le modifiche successive.

Il Piano di Governo del Territorio del Comune di Lecco è stato redatto sulla base delle "Linee di indirizzo per l'elaborazione del PGT" deliberate dal Consiglio comunale il 26 luglio 2010. Diversi sono stati i momenti partecipativi attivati durante il percorso di costruzione del Piano.

Il PGT si compone di tre atti distinti, ma strettamente correlati:

Documento di Piano (DP)
Piano dei Servizi (PS)
Piano delle Regole (PR)
>> segue (documentazione)

 

«Governare il territorio vuol dire saper intercettare, comprendere e gestire, non solo le esigenze quotidiane, incalzanti e improrogabili, ma anche le forze e le risorse identitarie sia su scala locale che territoriale»".

 

«Il successo di uno strumento territoriale è misurabile nel tempo, un tempo medio lungo, e il metro di misurazione è il benessere dei cittadini, il piacere nel riconoscersi parte di un "sistema città" che accoglie e risponde ai propri bisogni»