Contenuto principale

Chiesa di San Francesco dAssisi e Convento dei Padri Cappuccini
In seguito alla soppressione del convento dei Cappuccini a Pescarenico, l'ordine rimase privo di una sede a Lecco fino al 1949, quando il Cardinale Schuster autorizzò la realizzazione di una nuova chiesa e di un nuovo convento, grazie anche alla volontà dei cittadini e degli stessi
monaci. 

Il progetto fu assegnato all'architetto Mino Fiocchi che in due anni realizzò il nuovo complesso, inaugurato e consacrato nel 1951.

L'area scelta per il nuovo edificio sacro occupava la parte più settentrionale dell'asse urbano, che si stava espandendo verso nord nel corso degli anni Trenta del XX secolo e risultò, di fatto, l'intervento più rilevante di quegli anni.

L'architetto rivisitò, in chiave essenziale e funzionale, i linguaggi palladiano e neoclassico ed impostò un grande fondale prospettico con ampio sagrato su Viale Turati entro cui collocare la grande chiesa.

L'edifico è costituito da un corpo centrale attorno cui si aprono otto cappelle.

Lateralmente vennero innalzati il teatro e il convento con oratorio attiguo.

Con il Santuario della Vittoria, la Chiesa di San Francesco doveva costituire idealmente uno dei due poli sacri estremi della città, a meridione e settentrione.

 

Flag of the United Kingdom.svg      Church of San Francesco of Assisi and the Monasteryof the Capuchin Fathers


Mino Fiocchi in 1951 designed the new seat for the Capuchins after the closure of the previous one in Pescarenico.

The architect revisited the Palladian and Neoclassical architectural language,taking advantage of the backdrop of the large churchyard.

Later a theatre and a monastery with an adjacent oratory, were constructed.