Contenuto principale

Messaggio di avviso

Pagina Istituzionale conforme all'art. 51 D.lgs n. 33/2013 - Invarianza Finanziaria

L'Art. 40 prevede che ferme le disposizioni di maggior tutela in materia di informazioni ambientali, le amministrazioni pubblicano le informazioni ambientali di cui all'articolo 2, lettera a), del Dlgs n. 195/2005 che detengono ai fini delle proprie attività istituzionali, nonché le relazioni di cui all'art. 10 del medesimo Dlgs. Tali informazioni sono raccolte in un'apposita sezione detta "Informazioni ambientali".

Art. 40

I riferimenti normativi come modificati dal d.lgs. 97/2016 sono:

Art. 40, c. 2, d.lgs. n. 33/2013

_____________________________________   

  • Stato dell'ambiente
  • Fattori inquinanti
  • Misure incidenti sull'ambiente e relative analisi di impatto
  • Misure a protezione dell'ambiente e relative analisi di impatto
  • Relazioni sull'attuazione della legislazione
  • Stato della salute e della sicurezza umana
  • Relazione sullo stato dell'ambiente del Ministero dell'Ambiente 



Stato dell'ambiente


Fattori inquinanti

Con l'obiettivo di sensibilizzare i cittadini sui problemi dell'inquinamento atmosferico, il Comune di Lecco rende noto con cadenza mensile i livelli dei principali inquinanti registrati dalle centraline di Via Amendola (A) e di Via Sora (S).

Le attività antropiche, come i processi di combustione (civili e industriali) e l'utilizzo dei veicoli a motore sono infatti le principali cause della formazione di inquinanti quali polveri sottili (PM10 e PM2,5), ozono (O3), biossido di azoto (NO2), monossido di carbonio (CO), biossido di zolfo (SO2) e benzene.

I dati giornalieri (aggiornati in tempo reale) sulla qualità dell'aria sono disponibili ai seguenti link al sito web dell'Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente (A.R.P.A.):


Approfondimenti
:

Per conoscere i principali inquinanti

Per il tema amianto

Per i valori di attivazionewww.l15.regione.lombardia.it/#/accordo-aria/pm10/list

Le misure nella città di Lecco


Per il meteo inquinanti


Misure incidenti sull'ambiente e relative analisi di impatto


Misure a protezione dell'ambiente e relative analisi di impatto


Relazioni sull'attuazione della legislazione

Relazione inserita nello stato di attuazione dei programmi del Documento Unico di Programmazione 2018

Il Servizio Ambiente in merito alle attività previste dal Tavolo aria di Regione Lombardia è stata emanata come ogni anno l’Ordinanza Sindacale N. 57 del 28.09.2018, successivamente modificata con Ordinanza Sindacale n. 70 del 22.11.2018 per disposizioni della Regione il provvedimento atto a contenete l’inquinamento atmosferico, avente ad oggetto: Misure per il miglioramento della qualità dell’aria ed il contrasto all’inquinamento locale a partire dall'1 ottobre 2018 previste dal “Nuovo accordo di programma per l’adozione coordinata e congiunta di misure per il miglioramento della qualità dell’aria nel Bacino Padano” sottoscritto in data 09/06/2017 dal MATTM e Regione Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia-Romagna, a seguito di approvazione avvenuta con Delibera di Giunta Regionale n. X/6675 del 07/06/2017 e della recente d.g.r. n.449 del 02 agosto 2018 che ha approvato l’aggiornamento del PRIA 2018.

Si sono concluse in data 17/12/2018 le procedure di gara (Documentazione approvata con Det. Dir. N. 876 del 26/09/2018) per l’affidamento del servizio di ispezione degli impianti termici con aggiudicazione provvisoria alla NEW ENERGY COMPANY NEC s.r.l e sono state completate le verifiche previste dal D.Lgs. 50/2016. Il Contratto sarà perfezionato entro il mese di febbraio.

Sono proseguite le attività di Revisione del Piano di Zonizzazione Comunale, con la consegna da parte di Risorse e Ambiente s.r.l. (protocollo n.0119550/2018 del 31/12/2018) della proposta definitiva di zonizzazione e risultati delle indagini fonometriche. E' proseguita l’attività dell’ufficio per la redazione delle NTA unite alla Zonizzazione Acustica per la regolamentazione delle attività temporanee in deroga ai limiti acustici.

Il Comune di Lecco ha completato il 30.06.2017, come adempimento obbligatorio ai sensi del D.Lgs. 194/2005, la Mappatura Acustica degli assi stradali principali, (flusso veicolare > 3.000.000 veicoli/anno), da cui consegue, sempre per gli effetti del D.Lgs. 194/2005 la redazione del Piano d’Azione. Il Piano d’Azione, da revisionare con cadenza quinquennale, ha l’obiettivo di definire un programma attuativo delle azioni di risanamento delle zone del territorio dove la rumorosità dovuta al traffico veicolare risulta superare i valori di riferimento come emerso dalla mappatura acustica.

La redazione del Piano d’Azione è stata affidata con SINTEL alla società RISORSE AMBIENTE; l’adozione del Piano è vincolata alla procedura di VAS che si è conclusa con Decreto del 29/06/2018 di esclusione.

Il Piano D’Azione adottato con Deliberazione di Giunta Comunale numero 150 del 12/07/2018 e, in seguito approvato con Deliberazione di Giunta Comunale numero 187 del 20/09/2018, è stato trasmesso a norma di legge a Regione Lombardia il 10/12/2018 prot. 113504 dopo le procedure di pubblicazione e partecipazione del pubblico (conclusesi senza osservazioni).

E' proseguita la redazione del PAESC 2030: Il Piano d’Azione per l’Energia e il Clima è stato approvato con DCC n. 39 del 24/09/2018 ed è stato trasmesso alla Commissione Europea il 15/10/2018 per le valutazioni tecniche del caso.

Il PAESC 2030 è uno strumento dinamico con costante necessità di implementazione dei dati; i risultati dell’applicazione del PAESC 2030 devono essere monitorati ogni 2 anni da un punto di vista qualitativo (stato di avanzamento delle azioni) e ogni 4 anni anche con una revisione dell’inventario delle emissioni, allo scopo di verificare la conformità dei risultati intermedi con gli obiettivi previsti - abbattimento del 40% di CO2 nel 2030 (rispetto alla baseline del 2007 - e di apportare eventualmente misure correttive.

La disponibilità dei dati del territorio è il primo passo per uno sviluppo funzionale del PAESC2030 e per il successo del Piano che ha altresì il compito di indirizzare le azioni di pianificazione del territorio verso uno sviluppo in grado di assicurare il soddisfacimento dei bisogni della generazione presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di realizzare i propri, in un concetto più ampio di sostenibilità che tiene conto delle dimensioni sociale ed economica oltre che ambientale; Il monitoraggio della rendicontazione dei consumi energetici degli edifici residenziali può costituire un valido strumento per avviare il processo di rinnovamento del patrimonio edilizio, con un conseguente miglioramento dell’efficienza energetica e della sostenibilità ambientale.

A tale scopo, con Deliberazione di Giunta Comunale numero 243 del 19/11/2018 è stato approvato lo schema convenzione tra Comune di Lecco e Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari provinciale di Lecco (ANACI Lecco) per l’attuazione del monitoraggio dei consumi energetici degli edifici residenziali nel territorio del comune di Lecco, nell’ambito dell’implementazione del PAESC 2030 “piano d’azione per l’energia sostenibile e il clima” del Comune di Lecco.

La Convenzione è stata sottoscritta con ANACI Lecco in data 22.11.2018 con decorrenza dalla data di sottoscrizione fino al 15/10/2020.

E' proseguita l’attività dello Sportello Amianto gestito dal Gruppo Amici Mesotelioma (GAM)
Per la riduzione della presenza di amianto sul territorio comunale, con D.G.C. Numero 235 del 08/11/2018 avente ad oggetto: iniziative finalizzate a ridurre la presenza dell’ amianto sul territorio comunale ai sensi della l.r. 29 settembre 2003, n. 17 “norme per il risanamento dell’ambiente, bonifica e smaltimento dell’amianto” - convenzioni con ditte qualificate per interventi di rimozione, incapsulamento e smaltimento di amianto in matrice compatta proveniente da utenze domestiche e altri servizi connessi, a prezzi calmierati in favore dei privati cittadini è stata approvata l’iniziativa Regionale, di cui alla D.G.R. n. 3494 del 30.4.2015 e D.D.G. N. 4523 del 03.06.2015, finalizzata a ridurre la presenza di amianto, che prevede la stipula da parte del Comune di Lecco di convenzioni con ditte qualificate per interventi di rimozione, incapsulamento e smaltimento di amianto in matrice compatta proveniente da utenze domestiche, redazione dell’allegato A (D.d.g. n.13237 del 18.11.2008) e supporto alla redazione del Programma Di Controllo (D.M. 06.09.1994), a prezzi calmierati in favore dei privati cittadini.
Con D.G.C. Numero 236 del 08/11/2018 avente ad oggetto: approvazione dello schema di protocollo d’intesa tra il Comune di Lecco e il Comune di Valmadrera per la stipula di convenzioni con ditte qualificate per interventi di rimozione, incapsulamento e smaltimento di amianto in matrice compatta proveniente da utenze domestiche e altri servizi connessi, a prezzi calmierati in favore dei privati cittadini è stato approvato l’accordo con il Comune di Valmadrera per perseguire congiuntamente l’obiettivo comune di ridurre quantitativamente l’amianto presente sul territorio, nonché i connessi rischi per l’igiene, la salute pubblica e per l’ambiente.
Il protocollo d'Intesa è stato sottoscritto dai Comuni di Lecco e Valmadrera in data 15/11/2018 in occasione del Seminario “GESTIONE RISCHIO AMIANTO Aspetti legislativi e tecnici. Esperienze e casistica” organizzato e patrocinato dal Comune di Lecco, quale organizzatore insieme a Legambiente, Gruppo Amici Mesotelioma (GAM), Ordine Ingegneri , Assoamianto , Ordine Architetti , Ordine Geometri, presso la Sala Conferenze, Confindustria Lecco e Sondrio sita in Lecco, via Caprera n. 4.
L’ufficio Ambiente ha partecipato in qualità di relatore per quanto riguarda gli aspetti “Lecco: a che punto siamo?”
Con Determina Dirigenziale n. 1272 del 12.12.2018 è stata avviso esplorativo per l’individuazione, mediante piattaforma telematica Sintel, di operatori interessati all’affidamento del servizio di: rimozione – incapsulamento- smaltimento dell’amianto in matrice compatta proveniente da utenze domestiche e redazione allegato A ai sensi del D.D.G. n. 13237 del 18.11.2008. L’ avviso è stato pubblicato sulla piattaforma regionale SINTEL nel mese di dicembre, con scadenza 31.01.2019 eventualmente prorogabile. Decorsi i termini fissati si procederà alla redazione di un elenco degli operatori economici che hanno formalmente presentato interesse e che sono risultati idonei a seguito di verifica di ammissibilità, ottenendo un minimo di 70 (settanta) punti.
Nell’ambito dell’attività in materia di amianto, si è reso necessario creare un documento di lavoro organico nel quale confluissero i disposti normativi e le buone pratiche adottate nel tempo di concerto con ATS Brianza, basate sull’esperienza acquisita nella trattazione di casi sul territorio di Lecco.
A tale scopo con Deliberazione di Giunta Comunale numero 288 del 18/12/2018, è stato approvato, con parere di ATS Brianza lo schema di protocollo per la disciplina degli esposti per presunta presenza di amianto nel territorio del Comune di Lecco. Si procederà alla sottoscrizione con ATS nei primi mesi del 2019.
Inoltre, si è conclusa la “sperimentazione della mappatura delle coperture in cemento amianto ne comune di Lecco” su un’area campione del territorio con un tessuto urbano misto per la presenza di edifici ad uso residenziale, commerciale ed industriale. Il lavoro è stato svolto in sinergia e collaborazione con il Collegio dei Geometri e con ATS Brianza. In corso dei lavori, sono stati presi contatti con ARPA LOMBARDIA sede di MILANO per valutare la possibilità di realizzare una mappatura del cemento amianto del territorio comunale mediante telerilevamento iperspettrale da aereo. Il PRAL “Piano Regionale Amianto Lombardia”, approvato con D.G.R. 22.12.2005 – N. 8/1526 in attuazione della L.R. 29.09.2003 n. 17, prevede infatti che la mappatura georeferenziata dell’amianto presente sul territorio regionale venga effettuata da ARPA mediante telerilevamento iperspettrale da aereo con il sensore MIVIS.


Stato della salute e della sicurezza umana
 

Relazione sullo stato dell'ambiente del Ministero dell'Ambiente  

 

ultimo aggiornamento: 29 marzo 2019