Contenuto principale

Teatro d'autore: Chi ha paura di Virginia Wolf?

Categoria
Teatro
Data
11 Aprile 2017 21:00
Location
Teatro della società - Piazza Giuseppe Garibaldi, 23900 Lecco LC, Italia
Telefono
0341367289
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

regia di Arturo Cirillo
con Milvia Marigliano, Valentina Picello, Arturo Cirillo, Edoardo Ribatto
Produzioni Tieffe Teatro

Martha e George sono una coppia di mezza età che ha invitato a casa Honey e Nick, due giovani sposi che hanno appena conosciuto. In un vorticoso crescendo di dialoghi serrati, con la complicità della notte e dell'alcool, il quartetto si addentra in una sorta di "gioco della verità" che svela le reciproche fragilità individuali e di coppia. Il risultato della serata è un gioco al massacro, una sfida collettiva alla distruzione di sè e degli altri, che rende ogni personaggio, allo stesso tempo, vittima e carnefice.

"Chi ha paura di Virginia Woolf?" di Edward Albee ha debuttato a Broadway nel 1962. Dello stesso autore sono degne di nota: "A Delicate Balance" (1966), "Seascape" (1975) e "Three Tall Women" (1991), che gli valsero tre premi Pulitzer. Del 1966 è la versione cinematografica di "Chi ha paura di Virginia Woolf?" che rese celebre E.Albee in tutto il mondo: il film, diretto da Mike Nichols, ha come interpreti Elizabeth Taylor e Richard Burton nei ruoli di Martha e George, George Segal e Sandy Dennis nelle parti di Nick e Honey. Il titolo della pièce "Chi ha paura di Virginia Woolf?" gioca con le parole della canzoncina Chi ha paura del lupo cattivo? (Who's Afraid of the Big Bad Wolf?) ed è il motivetto che Martha e George canticchiano ogni tanto, dall'inizio alla fine dello spettacolo.

Teatro della Società
Martedì 11 aprile ore 21

Biglietti:
Platea €27 (ridotto €20)
Palchi €23(ridotto €18)
I Galleria €17 (ridotto €13)
II Galleria €12 (ridotto €10)
Ingresso palco €11

Vai alla biglietteria online

Per informazioni :

0341367289 (biglietteria)
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Teatro della Società