Contenuto principale

Dalla Carta Regionale alla Carta Nazionale dei Servizi. Il rilascio del Pin/Puk anche al Servizio Informazione, comunicazione e partecipazione.

Ognuno di noi ha "in tasca", da diversi anni, la Carta Regionale dei Servizi (CRS), uno degli strumenti più innovativi sviluppati e promossi da Regione Lombardia per facilitare e agevolare nel quotidiano i cittadini.
Infatti la CRS è utile sia per le prestazioni del Servizio Sanitario Nazionale (scontrino parlante in farmacia, prenotazione visite ed esami, consultazione del fascicolo sanitario elettronico...) sia per usufruire dei servizi online della pubblica amministrazione (autocertificazione e certificati anagrafici, Dote-scuola, DoteSport, servizi delle biblioteche, prestazioni Inps, ecc.).

Da settembre 2013, alla scadenza della CRS (le carte hanno validità 6 anni) i cittadini ricevono una nuova carta, che non è più la Carta Regionale dei Servizi di colore giallo, ma una Tessera Sanitaria (TS) – Carta Nazionale dei Servizi (CNS) di colore blu.

Carta regionale dei servizi (CRS) Carta Nazionale dei Servizi (CNS)

Il cambiamento della veste grafica è dovuto al fatto che la Carta Regionale dei Servizi della Regione Lombardia si uniforma alla Tessera Sanitaria - Carta Nazionale dei Servizi in progressiva diffusione su tutto il territorio nazionale.

Regione Lombardia ha infatti preso atto che il livello tecnologico oggi raggiunto dalla Tessera Sanitaria - Carta Nazionale dei Servizi (TS-CNS) è sostanzialmente analogo a quello pensato a suo tempo per la Carta Regionale dei Servizi (CRS), decidendo così, concordemente con il Ministero dell'Economia e delle Finanze, di far convergere la tessera sanitaria regionale (CRS) verso la tessera sanitaria nazionale su supporto Carta Nazionale dei Servizi (TS-CNS).

A parte le differenze nei colori e nella veste grafica in generale, nulla cambia dal punto di vista delle funzioni: con la nuova TS-CNS rimane inalterato il modo di accedere a tutti i servizi sanitari e comunali online.

Per usufruire con la TS-CNS dei servizi online del Comune, sono infatti necessarie le stesse componenti utilizzate, da sempre, per accedere ai servizi con la CRS: lettore di smart card, software di gestione della carta (il medesimo utilizzato per la CRS) e codice PIN della propria TS-CNS.(il PIN della precedente carta non è più valido).

Anche le modalità di richiesta del codice PIN della TS-CNS rimangono invariate: è sufficiente presentarsi con la propria tessera e un documento di identità valido

oppure


Per il rilascio del PIN della CNS dei figli minorenni, o per delegare un'altra persona al ritiro del PIN, occorre usare i moduli predisposti dalla Regione, compilarli e seguire le indicazioni specificate nei moduli stessi: 

modulo ritiro Pin per cittadino minorenne (.pdf - 159 B)

modulo delega ritiro Pin per cittadino maggiorenne (163 KB)

Per maggiori informazioni: www.crs.regione.lombardia.it