Contenuto principale

Messaggio di avviso

Domenica 29 marzo 2020, dalle ore 7 alle 23, si svolgeranno le operazioni di voto per il referendum popolare confermativo sulla riduzione del numero dei parlamentari.

 

19 marzo 2020 - Rinviato il referendum novità


5 marzo 2020 -  Dal comunicato stampa della riunione del Consiglio dei Ministri:

"RIDUZIONE DEL NUMERO DEI PARLAMENTARI -
Il Consiglio dei Ministri, in considerazione di quanto disposto con il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4 marzo 2020, recante misure per il contrasto, il contenimento, l’informazione e la prevenzione sull’intero territorio nazionale del diffondersi del virus COVID-19, su proposta del Presidente Giuseppe Conte, ha convenuto di proporre al Presidente della Repubblica la revoca del decreto del 28 gennaio 2020, con il quale è stato indetto per il prossimo 29 marzo il referendum popolare confermativo sul testo di legge costituzionale concernente “Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari”, approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 240 del 12 ottobre 2019".  

Link al sito del Ministero dell'Interno

Circolare 6 marzo 2020 Prefettura di Lecco (.pdf - 134 KB)

_____________________________

 

In questa pagina informazioni in progress su come si vota, tessera elettorale, voto elettori residenti all'estero, voto domiciliare, ecc.

Il quesito

Il referendum popolare confermativo ha il seguente quesito:

«Approvate il testo della legge costituzionale concernente "Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari", approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana - Serie generale - n. 240 del 12 ottobre 2019?»

(DPR 28 gennaio 2020).


Lo scrutinio inizierà subito dopo la chiusura della votazione e l'accertamento del numero dei votanti.

> Circolare 31 gennaio 2020 della Prefettura di Lecco

>  pdf Manifesto convocazione comizi (29 KB)


Rinnovo della tessera elettorale
 

Invitiamo gli elettori a controllare la propria tessera elettorale: se gli spazi per la certificazione risultano tutti timbrati, occorre richiedere una nuova tessera per votare alle prossime consultazioni elettorali.
I cittadini possono, sin da ora, rinnovare la tessera, evitando così le code che si creano negli uffici in prossimità della consultazione elettorale.
Per ottenere la nuova tessera elettorale, è necessario presentarsi all'ufficio Elettorale con la tessera elettorale da sostituire e un documento d'identità in corso di validità. Il rilascio della nuova tessera è immediato.
Per maggiori informazioni consultare la pagina del sito dedicata alla tessera elettorale.

I nuovi iscritti ricevono dal Comune un SMS che li avvisa che la tessera è pronta: li invitiamo a ritirarla al più presto.


L'ufficio Elettorale è aperto 

- lunedì, giovedì e venerdì dalle 8.30 alle 12.30

- mercoledì : dalle 8.30 alle 15.30 

- sabato: dalle 8.30 alle 11.30

Tel. 0341 481295   e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Esercizio del diritto di voto a domicilio novità

Possono essere ammessi al voto domiciliare

  • gli elettori affetti da gravi infermità che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali tali da impedirne l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano
  • gli elettori cosiddetti “disabili intrasportabili” affetti da gravissime infermità tali che l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano risulti impossibile, anche con l’ausilio del trasporto pubblico che i comuni organizzano in occasione di consultazioni per facilitare agli elettori disabili il raggiungimento del seggio elettorale.

Gli elettori interessati devono inviare (su modello gratuito da ritirare all’ufficio Eettorale comunale) la prescritta dichiarazione nel periodo compreso fra il 40° ed il 20° giorno antecedente la data della votazione e cioè da martedì 18 febbraio a lunedì 9 marzo 2020.

Alla dichiarazione devono essere allegati:
- copia della tessera elettorale;
- un certificato medico rilasciato dal funzionario medico, designato dalla competente Agenzia di Tutela della Salute, in data non anteriore al quarantacinquesimo giorno antecedente la data della votazione.

Modulo per il voto domiciliare:  default odt (9 KB)           document rtf (56 KB)            document doc (28 KB)  


Uso di locali e spazi comunali per la propaganda elettorale novità

Con la deliberazione n. 39 del 27 febbraio 2010 la Giunta comunale ha adottato le Linee di indirizzo per l'uso dei locali comunali, l'occupazione di suolo
pubblico con gazebo o banchetti e per i comizi elettorali ai fini dello svolgimento sul territorio comunale della propaganda elettorale.



Elettori temporaneamente all'estero 

In occasione del referendum costituzionale gli elettori italiani e i familiari con loro conviventi, che per motivi di lavoro, studio o cure mediche si trovino temporaneamente all’estero per un periodo di almeno tre mesi, possono esercitare il diritto di voto per corrispondenza (art. 4-bis, c. 1, L. 459 del 27/12/2001), ricevendo il plico elettorale contenente la scheda per il voto all’indirizzo di temporanea dimora all’estero.

Per esercitare il proprio diritto di voto per corrispondenza, tali elettori dovranno far pervenire al Comune d’iscrizione nelle liste elettorali l'opzione di voto per corrispondenza entro mercoledì 26 febbraio 2020 redatta preferibilmente usando questo modulo, in carta libera.

La dichiarazione di opzione voto deve essre corredata di copia di documento d’identità valido dell’elettore e contenere l’indirizzo postale estero completo cui va inviato il plico elettorale, l’indicazione dell’Ufficio consolare competente per territorio e una dichiarazione attestante il possesso dei requisiti per l’ammissione al voto per corrispondenza (ovvero che ci si trova, per motivi di lavoro, studio o cure mediche, per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento delle consultazioni in un Paese estero in cui non si è anagraficamente residenti, oppure che si è familiare convivente di un cittadino che si trova nelle predette condizioni.

Il termine del 26 febbraio 2020 è tassativo e non derogabile: oltre tale data le opzioni non potranno essere accolte (l’opzione è valida solo per le consultazioni referendarie del 29 marzo 2020). Entro lo stesso termine è possibile la revoca della medesima.


Voto degli italiani all'estero

Gli elettori italiani residenti all'estero votano per corrispondenza. I loro nominativi sono inseriti d'ufficio nell'elenco degli elettori residenti all'estero.
Tuttavia è possibile esercitare l'opzione di votare in Italia purché essa venga espressa entro sabato 8 febbraio 2020, anche utilizzando lo specifico modulo predisposto dal Ministero Affari esteri. Tale modulo deve arrivare entro la data indicata all'Ufficio Consolare operante nella circoscrizione di residenza dell'elettore.

Modulo opzione voto in iItalia di elettori residenti all'estero (.doc - 66 KB)