Contenuto principale

Il 16 dicembre è scaduto il termine per il versamento a saldo IMU e TASI.

Ecco cosa fare in caso di ritardo o errore. 

Il 16 dicembre 2016 è scaduto il termine per il versamento del saldo IMU e TASI 2016; chi non vi avesse provveduto, o vi avesse provveduto solo in parte, può sanare la violazione commessa utilizzando l'istituto del ravvedimento operoso, ovvero applicando al tributo dovuto e non versato, una piccola sanzione, con le modalità spiegate di seguito:

» Ravvedimento da effettuare entro 14 giorni di ritardo dalla scadenza della rata versando il dovuto maggiorato di:

• sanzione dello 0,1% per ogni giorno di ritardo fino a un massimo di 1,4% al 14° giorno
interessi moratori al tasso legale

» Ravvedimento da effettuare dal 15° al 30°giorno di ritardo dalla scadenza della rata versando il dovuto maggiorato di:

• sanzione del 1,5% dell'imposta non versata
interessi moratori al tasso legale

» Ravvedimento da effettuare dal 31 al 90° giorno di ritardo dalla scadenza della rata versando il dovuto maggiorato di:

• sanzione del 1,67% dell'imposta non versata
interessi moratori al tasso legale

» Ravvedimento da effettuare oltre il 90° giorno di ritardo dalla scadenza

  •  ma entro il termine per la presentazione della dichiarazione (qualora sia prevista) relativa all'anno nel quale è stata commessa la violazione ovvero,
  •  entro un anno dal versamento quando non è prevista la dichiarazione:

• sanzione del 3,75% dell'imposta non versata
interessi moratori al tasso legale

NB: Tasso d'interesse legale dal 1 gennaio 2016 pari allo 0,2%
Tasso d'interesse legale dal 1 gennaio 2017 pari allo 0,1%

Formula per il calcolo degli interessi: imposta x tasso x giorni / 36500

EFFETTUA IL CALCOLO